Vitti na crozza

Unknown.jpeg
Vitti na crozza supra lu cannuni
fui curiuso e ci vossi spiare
idda m’arrispunniu cu gran duluri
murivi senza un tocco di campani

Si nni eru si nni eru li me anni
si nni eru si nni eru un sacciu unni
ora ca sugnu vecchio di ottant’anni
chiamu la morti i idda m arrispunni

[

Cunzatimi cunzatimi lu me letto
ca di li vermi su manciatu tuttu
si nun lu scuntu cca lume peccatu
lu scuntu allautra vita a chiantu ruttu

C’è nu giardinu ammezu di lu mari
tuttu ntessutu di aranci e ciuri
tutti l’acceddi cci vannu a cantari
puru i sireni cci fannu all’amuri

[

La canzone parla del teschio di un giustiziato che sta appeso ad una torre di guardia (cannuni) per essere visibile da tutti, mentre gli altri pezzi del corpo stavano probabilmente ai 4 canti del paese

Il titolo vuol dire ‘vidi un teschio’, eccoti la traduzione: Vidi un teschio sopra la torre/Ero curioso e volli domandargli /Lui mi rispose con gran dolore/Sono morto senza rintocchi di campane // Sono andati, sono andati i miei anni/ Sono andati, sono andati, non so dove // Ora che sono vecchio di tanti anni/Chiamo la morte e questa mi risponde // Preparatemi, preparatemi il letto/ Che già i vermi mi hanno mangiato tutto/ Se non lo sconto qui, il mio peccato/Lo sconterò nell’altra vita, a sangue rotto // C’è un giardino in mezzo al mare/Pieno di fiori, di arance e di Sole/Tutti gli uccelli vanno lì a cantare/Anche i pesci vi fanno l’amore.

Vitti na crozzaultima modifica: 2012-03-19T16:33:50+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento