mASSIMO LA TORRE,CIO’ CHE SIAMO STATI

UNA CITTÀ n. 182 / 2011 Marzo
Unknown.jpeg
Intervista a Massimo La Torre
realizzata da Thomas Casadei

CIO’ CHE SIAMO STATI
Malgrado tutto, il Risorgimento significò il riscatto di un paese da sempre preda di signori e signorotti; un’indipendenza civile ed esistenziale ancor prima che nazionale; l’immagine di un premier che bacia la mano di Gheddafi e di un parlamento che vota sulla “nipote di Mubarak”…; che fare? Intervista a Massimo La Torre.

Mas si mo La Tor re in se gna Teo ria ge ne ra le del di rit to all’Uni ver si tà di Ca tan za ro. Ha cu ra to la pub bli ca zio ne di Pro e con tro il so cia li smo, di Fran ce sco Sa ve rio Mer li no, Rub bet ti no 2008. Ha scrit to, tra l’al tro, Mes si na co me me ta fo ra e luo go ideal ti pi co del la po li ti ca, Rub bet ti no, So ve ria Man nel li 2000.

Tu in se gni fi lo so fia del di rit to in di ver si pae si dell’Eu ro pa, hai la tua “ba se” esi sten zia le ed ac ca de mi ca tra Mes si na e Ca tan za ro e nel la cul tu ra anar chi ca ita lia­na il tuo oriz zon te idea le e for ma ti vo: co me vi vi il 150°?
Se mi aves se ro do man da to trent’an ni fa se sa rei ar ri va to a cal deg gia re la fe sta dell’Uni tà d’Ita lia, ci sa rei ri ma sto ma le. Pen sa vo che nell’Uni tà, per co me si era fat ta, ci fos se ro più co se cat ti ve che buo ne. Dun que ben po co da fe steg gia re. L’Uni tà d’Ita lia in ve ro fu fat ta ma le, fu fat ta dall’al to in buo na so stan za, e con i fa mo si “ple bi sci ti”, una pra ti ca an nes sio ni sti ca si può an che di re. Il da to tri ste è che l’Uni tà si fe ce se con do il mo del lo “pie mon te se”, mo nar chi co e cen tra li sta del 1859-1860, e non at tra ver so il mo del lo re pub bli ca no e po po la re del 1848-1849. È que st’ul ti mo il mo men to più no bi le ed avan za to del ri sor gi men to ita lia no, e fu scon fit to. Le te ste più in tel li gen ti e i cuo ri più ge ne ro si so no quel li di co lo ro che ani ma no le ri vo lu zio ni del Qua ran tot to: Cat ta neo, Ma nin, Pi sa ca ne e lo stes so Maz zi ni. Nel 1859 ci fu una guer ra tra Sta ti (col de ci si­vo in ter ven to fran ce se) e nel 1860 l’av ven tu ra ga ri bal di na. La qua le fu an ch’es sa un’epo pea di po po lo (mio bi snon no la sciò ca sa e bot te ga per ac cor re re tra i Mil le di Ga ri­bal di). E fu un’av ven tu ra, al me no in Si ci lia, so ste nu ta da una gran de mo bi li ta zio ne di po po lo. Ma ri ma se… un’av ven tu ra. Una tem pe sta su bi to se da ta, e se da ta tal vol ta da­gli stes si ga ri bal di ni (com’è il ca so, pa ra dig ma ti co, del la sfor tu na ta ri vol ta di Bron te, re pres sa stu pi da men te e fe ro ce men te da Ni no Bi xio). L’av ven tu ra dei Mil le im pres se an che nell’im ma gi na rio del la nuo va Ita lia l’idea ca ri sma ti ca del “Du ce”, del “Dit ta to re” -che era quel ga lan tuo mo di Ga ri bal di. Ma que st’idea do ve va più tar di da re dei frut ti ve le no si. Ed en tra va in cir co lo an che la stra te gia del “col po di ma no”, che sa reb be sta ta poi sco piaz za ta nel la far sa tra gi ca del la “mar cia su Ro ma”.
Non di me no, no no stan te i lo ro li mi ti e i lo ro er ro ri, il Ri sor gi men to e l’Uni tà si gni fi ca ro no il ri scat to di un pae se che era sta to per se co li pre da di mo nar chi e mo nar chet ti, di si­gno ri e si gno rot ti, un pro li fe ra re di Don Ro dri ghi con una co ron ci na in te sta, per non par la re del re gi me oscu ran ti sta e ti ran ni co dei Pa pa-Re; un’Ita lia, quel la, che per il suo de gra do ci vi le e mo ra le era di ve nu ta lo zim bel lo d’Eu ro pa. Ba sta leg ge re Sten d hal e rap pre sen tar si la Par ma che de scri ve per ren der se ne con to. Par lan do di Ro ma, Sten d­hal e gli al tri viag gia to ri stra nie ri (Dic kens, per esem pio) sem pre si sof fer ma no, con cer to gu sto ma ca bro an che, sul la fre quen za e gli or ro ri del le ese cu zio ni ca pi ta li lì in vi­go re.
Ma col Ri sor gi men to per un mo men to le co se cam bia no. Si af fer ma un’Ita lia con la schie na drit ta fi no ad al lo ra ine di ta. Si crea fi nal men te una sfe ra pub bli ca, uno spa zio ci vi le di de li be ra zio ne, sep pu re den tro an co ra un aspro con flit to di clas se, che pe rò il re pub bli ca ne si mo pro met te di ri sol ve re e su pe ra re. La po li ti ca non è più ap pan nag gio di sa lot ti, sa cre stie ed al co ve; non si fa più a ta vo la o nel bou doir (che og gi si ri pro po ne in ver sio ne “nou veau ri che”, o me glio “bu ri no”, nel la sa la del Bun ga Bun ga), ma in piaz za. E va ri cor da ta la ra di ca le lai ci tà del pro get to uni ta rio del Ri sor gi men to -che per que sto og gi an co ra su sci ta l’osti li tà del cat to li ce si mo più re tro gra do e dei neo pa pa li ni atei de vo ti.
Col Ri sor gi men to e l’Uni tà è la mo der ni tà che ar ri va nel Bel Pae se. Ov via men te non quel la di… Mar chion ne, che co niu ga “mo der no” con “tur bo ca pi ta li sta”, ma la mo der ni tà co me pos si bi li tà di con vi ven za se con do di rit ti e re go le sin ce ra men te di scus se e con di vi se. Non è ve ro che col Ri sor gi men to si cam bi tut to per non cam biar nul la se con do la for mu la di To ma si di Lam pe du sa. L’uni tà del no stro pae se, l’Uni tà d’Ita lia, col suo or go glio og gi cal pe sta to, in fan ga to, in su di cia to da una clas se po li ti ca in de gna e in fa­me, va al lo ra ri ven di ca ta e, sì, an che ce le bra ta e fe steg gia ta. Sen za ri ser ve.
Uni tà d’Ita lia si gni fi ca la tra di zio ne maz zi nia na, il re pub bli ca ne si mo: co sa re sta?
La tra di zio ne maz zi nia na è il cuo re del Ri sor gi men to. Si po treb be di re che sen za Maz zi ni l’Uni tà non ci sa reb be sta ta. E la di ce lun ga sul pro ces so uni ta rio il fat to che Maz­zi ni muo ia in clan de sti ni tà, na sco sto, per ché l’oc chiu to Sta to sa bau do lo vuo le in ga le ra. Esi zia le per lo svi lup po del la tra di zio ne re pub bli ca na maz zi nia na è il suo con flit to col na scen te so cia li smo. È una sto ria di mu tue in com pren sio ni, di ra di ca li smo fon da men ta li sta dall’una e dall’al tra par te. Ma non va di men ti ca to che in Maz zi ni c’è una cer­ta ispi ra zio ne so cia li sta. L’ugua glian za è e ri ma ne un va lo re re pub bli ca no. Co sì co me l’idea del la par te ci pa zio ne e del la in te gri tà. Lo Sta to di Maz zi ni non è per nien te neu­tra le, è ca ri co di eti ci tà; nien te a che ve de re col lais sez fai re o con la ce le bra zio ne del mer ca to cui as si stia mo og gi. Ose rei di re che “mer ca to” sia per si no una pa ro lac cia per Maz zi ni. Non lo è “pro prie tà” pe rò. Ed è qui che si scon tra con Ba ku nin e con Co sta, Ca fie ro e Ma la te sta. Ma la pro prie tà di Maz zi ni si gni fi ca so prat tut to pro prie tà me­dian te il la vo ro ed in di pen den za. Non è una co sa che si pos sa ven de re o sem pli ce men te com pra re. Va con qui sta ta, “ac qui si ta”. È ma te ria pri ma mi schia ta a la vo ro, a su­do re.
Co sa re sta di tut to que sto? Po chis si mo, al me no a pri ma vi sta. Ba sti pen sa re al la tri ste in glo rio sa fi ne del Pri, in gran par te con flui to nel le ta sche lar ghe di Ber lu sco ni. Si guar di co sa fa il “gio va ne” La Mal fa.
Co me riat ti va re quel la ma gni fi ca, de gnis si ma tra di zio ne di pen sie ro ed azio ne? Col ti van do, cre do, l’in tran si gen za, l’ano ni mi tà, l’au ste ri tà di co stu mi ed un po’ an che una cer ta po ver tà. In un mo men to in cui tut ti so no ac co mo dan ti, nes su no vuol es se re “mo ra li sta”, do ve tut ti vo glio no ap pa ri re e far si ve de re (sia pu re nei pan ni del ma lan dri no, del le no ne o del la pro sti tu ta); in una so cie tà in cui ric co è si no ni mo di va lo ro so, il re pub bli ca ne si mo può ri ven di ca re la vir tù del la mo de stia, la for za del pu ri ta ni smo (che sem pli ce men te vuol di re ten ta re di man te ner si “pu ri” di cuo ri e di ma ni), la for za an che del ri ma ne re oscu ri, cioè non no ti, in un can tuc cio, del non mo strar si, del ri fiu ta re i fron zo li. La re pub bli ca, la “co sa pub bli ca”, non si ven de e non si com pra. In un pae se di ca me rie ri, com’è og gi il no stro, quel lo del non ac co mo dar si a ta vo la, del di giu na re, del ve stir si di ve sti ti “ri vol ta ti” (co me si fa ce va una vol ta), di com pra re li bri piut to sto che au to, del leg ge re la se ra, spe gnen do la te le vi sio ne, è un va lo re, un “prin ci pio pri­mo”, da cui si può ri par ti re per ri fon da re la sfe ra pub bli ca.
La fi gu ra di Ga ri bal di co sa rap pre sen ta og gi?
Ga ri bal di è sta to im bal sa ma to. Se n’è fat to un “san ti no”, to glien do al la sua fi gu ra tut ta la ca ri ca sov ver si va e ci vi le. In par te ciò suc ce de quand’è an co ra in vi ta, gra zie an­che agli uo mi ni del suo stes so “par ti to”. Si pen si a Cri spi. E poi il fa sci smo di stor ce, uti liz zan do le a suo mo do, al cu ne “ca te go rie” ga ri bal di ne (le ca mi cie “ne re” an zi ché “ros se”, la “dit ta tu ra”, la stes sa sim bo lo gia del “fa scio” che è chia ra men te re pub bli ca na). Si trat te reb be ora di rac con ta re la “ve ra sto ria” del la lot ta ri sor gi men ta le, fat ta di sa cri fi ci, di ri nun ce, di idea li di ri scat to e di in di pen den za. L’in di pen den za si gni fi ca va non so lo li ber tà dal lo stra nie ro, ma in di pen den za esi sten zia le e ci vi le, il non vo le re e non do ve re an da re da nes su no a chie de re col cap pel lo in ma no. Dun que, il Ri sor gi men to è ben più che un mo vi men to na zio na li sta, ose rei di re che per que gli Ita lia ni (che “cre de va no”) era piut to sto -se me lo con ce di- un mo vi men to “esi sten zia li sta”. A rac con ta re que sta sto ria po li ti ca ed “esi sten zia le” sen za re to ri ca ma con in tel li gen za ed em pa tia ci ave va pro va to mol ti an ni fa Lu cia no Bian ciar di (per esem pio nel suo La bat ta glia so da). An che il li bro di An na Ban ti (Noi cre de va mo) è pre zio so in que sta di re­zio ne. Bi so gne reb be ri ten ta re an co ra.
Tuo bi snon no Pla ci do era mes si ne se, re pub bli ca no, ga ri bal di no, com bat ten te a Mi laz zo nel lu glio 1860. Co sa ti ha la scia to in ere di tà?
L’ere di tà re pub bli ca na del mio bi snon no è sem pre sta ta mol to pre sen te. Mia non na (na ta nel 1878!), per di re che non te me va nes su no, usa va di re: “So no fi glia di re pub bli­ca no”, pur non aven do al cu na co scien za po li ti ca. Ma non ama va Mus so li ni. E mio pa dre, co me sai, ha avu to un’av ven tu ro sa vi cen da an ti fa sci sta.
Mio bi snon no, un pa stic cie re, era nel la cit tà del lo stret to ab ba stan za “ti pi co” nei suoi an ni: ar ti gia no col to e viag gia to re (una leg gen da di fa mi glia è che do po un viag gio in Tur chia ed in Egit to ab bia in tro dot to il ge la to di cioc co la to fi no ad al lo ra non no to…), an ti cle ri ca le, im pe gna to po li ti ca men te, re pub bli ca no per l’ap pun to, e poi com bat ten te ga ri bal di no.
Ma Mes si na è af fon da ta. Le ra gio ni so no tan te. Ho ten ta to di de scri ver le in un li bret to (Mes si na co me me ta fo ra e luo go ideal ti pi co del la po li ti ca, 2000, Ndt). Son pas sa ti die ci an ni da quan do l’ho pub bli ca to, e la si tua zio ne è peg gio ra ta. La sfe ra pub bli ca si è fat ta pri va ta, non ci so no più di rit ti, ma so lo fa vo ri e pri vi le gi. E non ci so no più nem me no éli tes ve re, quel le del me ri to, quel le dell’ener gia che si mi su ra nei fat ti. Si sci vo la in una sor ta di neo feu da le si mo dai trat ti ba roc chi. Mes si na an ti ci pa l’Ita lia e poi la ri flet te in ma nie ra an co ra più di stor ta. Era una cit tà re pub bli ca na, do po il ter re mo to di ven tò mo nar chi ca.
Un aned do to. Mio pa dre non vo le va che par las si in dia let to, se lo fa ce vo mi sgri da va, suc ce de va an che ai miei com pa gni. Co sì la mia ge ne ra zio ne ha ap pre so a pen sa re e par la re in buon ita lia no, con nem me no trop po ac cen to. Ci pren do no in ge ne re per ro ma ni. Ma i ra gaz zi d’og gi, mi ac cor go, usa no nuo va men te una lin gua gre ve e dia let ta le; che non è il dia let to ar gu to e sciol to che par la va mia non na o mio pa dre, ma una lin gua sen za for ma e sen za ve re ra di ci, una lin guac cia. L’ac cen to si è ri fat to pe san te. Co­me ve di, è l’Uni tà d’Ita lia che si slab bra.
Un’uni tà per la qua le il con tri bu to del le éli tes me ri dio na li è ge ne ro sis si mo. Ca la bria e Si ci lia si sve na no dei lo ro gio va ni mi glio ri per il Ri sor gi men to: la Ca la bria di più nel la pri ma fa se ri sor gi men ta le quel la car bo na ra e qua ran tot te sca; la Si ci lia di più nel la fa se ga ri bal di na. I fra tel li Ban die ra tro va no in Ca la bria il lo ro con te sto d’azio ne; e Cri spi, Ro sa li no Pi lo, La Fa ri na so no tut ti si ci lia ni. A Fi ren ze, a San ta Cro ce, c’è la tom ba del La Fa ri na, un mo nar chi co mes si ne se po co ama to dal la sua cit tà che fu poi il col le gio elet to ra le di Maz zi ni, ma -in ma nie ra sug ge sti va- l’iscri zio ne del mo nu men to fu ne ra rio non ri cor da nient’al tro che l’ap par te nen za cit ta di na . Sta scrit to: “Giu sep pe La Fa ri na mes si ne se”. A Fi ren ze.
Tuo bi snon no Pla ci do era pa stic cie re, ama va il ge la to, i viag gi, le sco per te e la crea ti vi tà…
Il mio bi snon no io non l’ho co no sciu to. Ho an co ra un suo bel ri trat to del 1890, col cra vat to ne da re pub bli ca no. Ma su di lui cir co la va no in fa mi glia tan te sto rie. Ave va un ca­rat te rac cio, ma schiet to ed one sto. Era un gran pa stic cie re e ge la ta io. Co me sai, in Si ci lia, e a Mes si na spe cial men te, c’è una gran de tra di zio ne di ge la te ria. Eb be ne, la de­ca den za del pae se si ve de an che dal fat to che la qua li tà del ge la to è sca du ta. Pri ma il ge la to era una pic co la ope ra d’ar te, so prat tut to il “pez zo du ro”, e le va rie tor te ge la­to. Al cu ne so no pro prio spa ri te. Non c’è più nes su no che sia in gra do di pro dur le. È che se il la vo ro ser ve so lo co me mer ce, que sta è in ter scam bia bi le e al lo ra un ge la to di pla sti ca, di quel li che ti ven do no nel le con fe zio ni in du stria li, va le il me ra vi glio so “schiu mo ne” o il “prin ci pe di Mo na co” (una spe cia li tà con la pan na e il pi stac chio) di una vol ta. Ma do ve tro ve re mo ora il prin ci pe di Mo na co? Si è per du to nel le neb bie dei ri cor di del la mia in fan zia. Dun que, la “cloa ca” (il mo del lo po li ti co in cui vi via mo, già cu rio­sa men te teo riz za to da Kant) ci to glie an che il pia ce re del buon ge la to. Ri ma ne il puz zo del la pre po ten za, del la pro sti tu zio ne, e dell’in ca pa ci tà di fa re.
Il di scor so di fi ne an no del Pre si den te del la Re pub bli ca ha pun ta to mol to sui gio va ni…
La no stra è una so cie tà di vec chi, di ren di te di po si zio ne, di eter ni gio va ni. È il mi to di “gio vi nez za, gio vi nez za”, ov via men te ad uso e con su mo di chi gio va ne non è più da un bel pez zo. Il vec chiar do si ali men ta vam pi re sca men te del la car ne fre sca del le ra gaz zot te che rie sce ad ade sca re. Che fa re? Una pro po sta: ri fiu ta re da su bi to la rac co­man da zio ne, quel la da ta e quel la ri ce vu ta. Sem pre ed in ogni ca so.
I mo vi men ti stu den te schi: ve di qual che pa ral le li smo con i gio va ni re pub bli ca ni, maz zi nia ni e ga ri bal di ni, di re cen te rap pre sen ta ti nel film “Noi cre de va mo”?
“Noi cre de va mo” (ro man zo e film) sem bra an che la sto ria del la mia ge ne ra zio ne, tra spe ran ze ses san tot ti ne e li ber ta rie, fra la real tà cra xia na e la chi na gre ve del ber lu sco­ni smo. Ma con ti nuia mo a cre de re. Quel la “fe de” (fe de tut ta ter re na che non ha bi so gno di chie se per sen tir si for te o per ave re “una mar cia in più”) va ri ven di ca ta, va ri co­strui ta, va -scu sa la re to ri ca- gri da ta nuo va men te.
Il mio più gran de cruc cio di que sti ul ti mi an ni è che mio pa dre, la per so na più one sta e in te gra e di rit ta che ab bia mai co no sciu to, for te con i for ti e de bo le con i de bo li, sia mor to da van ti ad una te le vi sio ne che ce le bra va i nuo vi trion fi elet to ra li del Ca va lie re. Ma lui ha cre du to fi no all’ul ti mo. Ha cre du to nel la di gni tà e nell’ugua glian za e nel la li­ber tà (scu sa di nuo vo la re to ri ca) de gli es se ri uma ni, sen za chie de re ri com pen se di sor ta (né in que sto né nell’al tro mon do). Gli ba sta va la cer tez za che è l’umi le, e non il pre po ten te, ad aver ra gio ne. Il re sto -mi scher ni va- è me ta fi si ca; ro ba -vo le va di re- per i fi lo so fi del di rit to buo ni a nul la…
Co me ve di la no stra de stra ?
La de stra ita lia na si è sui ci da ta nel la sua ser vi tù a Ber lu sco ni. Guar da co sa sta ac ca den do at tor no a Fi ni; è tut to un fug gi-fug gi per con qui star si qual che sgheo, qual che ba­ioc co del pa dro ne dal le bel le bra ghe bian che. Si ven do no per una pen sio ne da de pu ta to, per un mu tuo, per un ap pal to, per un po sto di sot to go ver no. Ora for se trion fa no. Ma, se il pae se do ves se ri sor ge re e ti rar si fuo ri dal la cloa ca, la pa ghe ran no. Co me fa rà il mol to pio For mi go ni a giu sti fi ca re, non ora, ma fra un pa io d’an ni, d’ave re avu to la Mi net ti nel suo li sti no bloc ca to? Che re ste rà de gli ex An, que sti “pa trio ti”, qua si tut ti ora ser vi zie vo li e pron ti a tut to per ave re il fa vo re del Ca va lie re? E che di re di un Par la­men to di de stra che pro cla ma che Ber lu sco ni ha te le fo na to al la que stu ra di Mi la no per evi ta re un con flit to di plo ma ti co con Mu ba rak? Nes su no che ab bia un sus sul to di di­gni tà, nes su na in di pen den za, nes sun mo to d’or go glio, nien te ono re. Ma non era l’”ono re” un va lo re del la de stra?
Op pu re for se il ser vi li smo è in na to nell’es se re di de stra, gli è con ge ni ta la pro pen sio ne all’es se re mes so all’asta; il po te re qua le che sia gli fa per de re la bus so la, al me no in Ita lia. For se il lo ro ono re si chia ma ve ra men te so lo fe del tà, fe del tà a chi ce “l’ha più du ro”, a chi tie ne il col tel lo dal la par te del ma ni co, al la pre po ten za. Se c’è un fat to “ico­ni co” del la de stra ita lia na, que sto mi pa re sia l’im ma gi ne elo quen tis si ma del Ca va lie re, di Ber lu sco ni, che ba cia la ma no a Ghed da fi.
E la si ni stra?
An che la si ni stra si è sui ci da ta. Per ché non ha vo lu to ri ven di ca re la sua sto ria. Il Pd poi è un par ti to de ci so dal ce to di ri gen te del vec chio Pci e di una par te dell’an ti ca Dc. La ba se non ci ha ca pi to nul la. For se non ci si ca pi sce nul la dal la Bo lo gni na. E tie ni pre sen te che non so no mai sta to né mi li tan te né sim pa tiz zan te del Pci. Ma in quel par­ti to c’era un pa tri mo nio d’im pe gno ci vi le che è sta to ir re spon sa bil men te dis si pa to. Non di co che non bi so gnas se rom pe re cer ti le ga mi col pas sa to (con lo sta li ni smo e con il to gliat ti smo). Ma lo si è fat to in ma nie ra sba glia ta, e poi non ve ra men te, giac ché non si è rian no da to il fi lo con la tra di zio ne so cia li sta “mo ra li sta”, quel la non to gliat tia na. Fer ruc cio Par ri ri ma ne ir ri me dia bil men te un fes so agli oc chi di D’Ale ma. E “so cia li smo” sem bra es se re inas su mi bi le co me con cet to. An che “so cial de mo cra zia” fa lo ro schi­fo. Non so no che “de mo cra ti ci di si ni stra”. Ed ora an che la men zio ne di “si ni stra” è sta ta fat ta ca de re. Ma non ci han no spie ga to per ché. Tran ne che non si ac cet ti -ipo te si cre do non del tut to in ve ro si mi le- che il Pci a par ti re dal la me tà de gli an ni Set tan ta fos se di ven ta to an ch’es so un par ti to mo de ra to, un par ti to d’or di ne. Co mun que, con D’Ale­ma & C. ab bia mo avu to un To gliat ti smo all’ama tri cia na, ma chia vel li smo sen za co mu ni smo. Tri ste.
Ve di qual che mar gi ne per ri lan cia re l’idea dell’”av ve ni re”?
Non ten do in ge ne re all’ot ti mi smo ed an zi ho un pen dant de pres si vo. Ep pu re non ci re sta che l’av ve ni re. L’ono re no stro è il pas sa to, ma quel pas sa to non ha sen so se non ac cet tia mo che c’è l’av ve ni re. Dob bia mo ri pe ter ci che l’av ve ni re è sem pre aper to e che, se non ci but tas si mo in es so, rin ne ghe rem mo il no stro pas sa to. Ed al lo ra al mat ti­no, guar dan do ci al lo spec chio, con i ca pel li gri gi e le ru ghe, non ci re ste reb be che pian ge re. La scon fit ta in fin dei con ti non è per de re le ele zio ni o la cloa ca di Ber lu sco ni, ma ven der si l’ani ma e non sa per più ve de re quel lo che sia mo sta ti e per que sto sia mo.
(a cu ra di Tho mas Ca sa dei)

mASSIMO LA TORRE,CIO’ CHE SIAMO STATIultima modifica: 2011-03-14T16:33:08+01:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento