Umberto Romaniello, Anno 2010 DDP

da facebook

ANNO 2010 D.D.P. (DOPO DI PIETRO)
pubblicata da Umberto Romaniello il giorno sabato 23 ottobre 2010 alle ore 18.37

ROMANIELLO.jpeg

Nota creata.

Prospettive.

La nazione Italia è invasa dai Comunisti, un’orda di senza Dio che minaccia le fondamenta liberali del suo governo, lanciando nell’ombra continui e subdoli attacchi alla libertà dei suoi rappresentanti.
Ma in difesa del totale liberismo e degli interessi individuali, tirato più della pelle di una canoa indiana, un uomo venuto da lontano lotta con impavida determinazione contro il diffuso malumore sociale che attanaglia il sorriso della stirpe italica. Cresciuto nella prima repubblica, radicato nella seconda e proiettato nei regni futuri, ecco prodigarsi per la sua salvezza il Cavalier di Sacroscudo.
Miracolosamente scampato dall’esplosione del pianeta Craxi, il nostro eroe è approdato in Italia diffondendo il suo verbo e le sue antenne nell’intera nazione. Fiumi di seguaci, adepti di un credo ispirato all’amore ed alla libertà hanno fatto di quest’uomo un mito, un leader capace di rinverdire così tanto la Patria che ormai è opinione diffusa che gli italiani son tutti al verde!
Ma come tutti sanno anche il prode Achille aveva il suo tallone e  il Cavalier di Sacroscudo non era certamente da meno. Sottoposto durante l’esplosione planetaria alle radiazioni di Craxite ne divenne purtroppo fortemente vulnerabile. Pensate, oggi gli basterebbe respirarne solo un tantinello così, che le particelle socialiste contenute nelle sue polveri catalizzerebbero nell’organismo del prode duce rischiosi sintomi da intossicazione allucinogena.
La lotta è quindi cominciata. Ed è senza pietà.
In Italia ci sono proprietà da salvare, famiglie di nullafacenti da tutelare, interessi da difendere e percentuali da inventare. Ce la farà il Cavalier di Sacroscudo a fare tutto questo? O saranno i malefici comunisti ad avere la meglio?
Intanto l’eterno conflitto tra il bene e il male, tra i falchi e le colombe, spinge il popolo tutto a schierarsi in opposte fazioni: i sostenitori della maggioranza e quelli dell’opposizione. Due tribù molto simili tra loro, se non per la distinta seduta in parlamento, che si menano duri fendenti sulle gengive per futili motivi ma che per sincera affezione alle rispettive poltrone amoreggiano romanticamente al chiaror di luna.
Ma la perfida compagine comunista non è mai stanca. Trama e complotta strategie d’attacco indirizzate a speronare la poppa disarmata del nostro eroe che a fatica, ma con intrepida destrezza, è sempre riuscito a preservare da penosi sinistri.
Ma, come tutti sapete, il popolo s’informa, parla, va dal barbiere – che è un luogo pubblico – e crea quindi l’opinione pubblica. Ed è proprio quest’ultima che sagacemente alimentata dai venti cospiratori della sinistra rivoluzionaria muove i peggiori malesseri sociali e scuote le invidie verso le ricchezze dei poveri governanti. Ecco quindi gli scioperi, le manifestazioni di piazza, interi popoli bardati di viola vessilli che muovono i propri passi alla conquista di assurdi diritti costituzionali.
Ma per fortuna il Cavaliere c’è. E c’è pure la sua lesta reazione.
Senza batter ciglio alcuno, la salda mano del Cavalier di Sacroscudo è subito pronta a tagliare i fili di questa insana comunicazione popolare, oscurando le infette informative comuniste e sfamando il suo popolo con videate di peperoni, soffritti, salumi e formaggi da mezzogiorno a sera.
Ancora poche cose si frappongono alla meta del Cavaliere. Dieci piccole leggine che un tale, nato tanto tempo fa e che un libro definisce molto creativo, ebbe a consegnare su un monte.
Ebbene, la strada che porta a quest’ultima meta è ormai quasi raggiunta. Il celestiale orizzonte è ad un passo dalla conquista. Sarà allora che schiere di angeli o di angelini schierati schiacceranno le falci e i martelli  e canteranno la gloria del Sacroscudo: Viva il Cavaliere! Viva, evviva!

Umberto Romaniello
(articolo pubblicato su l’Attacco del  23 Ottobre 2010 – Le città della Cultura)

Umberto Romaniello, Anno 2010 DDPultima modifica: 2010-10-24T15:33:07+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento