Armando Todesco, E se fosse tutta una questione psicologica

fini berlusconi jpeg.jpeg
Gianfranco e Silvio :amicizia e rivalita’

Spesso le lotte politiche  credo si potrebbero  ridurre a fatti personali ,di antipatia ,di mancanza di comunicazione ,di mancanza di incontro ,di odio e di resistenze  personali ,di pregiudizi  .
Il mondo crede che ci si trovi di fronte a uno scontro politico ,ma poi alla luce dello studio dei caratteri individuali tutto si puo’ ridurre a  una differenza  di caratteri e/o di prospettive individuali.
Anche nel caso dello scontro in atto tra Silvio e Gianfranco di cui sono piene le prime pagine dei giornali italiani puo’ essere che tutto sia una questione di indiividualita’ .
Per trarre comunque delle  conclusioni sulla domanda posta nel titolo , ci avalliamo di una tabella  dove confrontiamo tratti caratteriali di Silvio a destra  e a sinistra quelle di Gianfranco.

Gianfranco                                                                   Silvio
e’l’uomo che non deve chiedere mai                       passa ore al telefono per chiedere collaborazione                                     
Inavvicinabile                                                                alla mano                                                    
freddo e distaccato                                                      trasmette calore e fiducia
crede che il suo pensiero sia quello del Paese        crede che il Paese abbia pensieri diversi che interpreta
e’ un perfezionista e scrupoloso                                non e’ scrupoloso  ,non  e’ perfezionista                                                               
comanda per gerarchie                                                taglia fuori le gerarchie ,ma con comandi rapidi 
ha uno stile di lavoro militare                                    ha uno stile di lavoro liberale                            
e’ uno speculatore                                                        guarda alle dimensione ampie 
e’ preciso e settoriale                                                    e’  un generico                                                                                                                                                  
è’ sintetico                                                                       poliedrico                                                                                
e’precisino                                                                       caotico                                                                                      
parla poco                                                                        e’ prolisso
non tradisce                                                                    tradisce 
capace di soffrire per opportunita’                             non e’ capace di soffrire                         
e’ una linea rettilinea                                                     e’ una curva  incoerente                                              
non accetta la pace ma vuole la sottomissione        accetta la pace
non e’ capace di mediare                                              media                                                                                  
non e’ capace di vincere a meta’, vuole tutto            accetta di  vincere a meta’                                      
se rompe e’ difficile che ricomponga                           puo’ rompere per  tattica e sa ricomporre                                                             
introverso                                                                         estroverso                                                                             
pessimista                                                                          ottimista                                                                                    
lavora su piccoli spazi                                                     e’ per i grandi spazi personali                                               
punta ai particolari                                                         lascia perdere le piccole cose                                                
punta alla sua affermazione e non al progetto         punta alla riuscita del progetto
in caso di sconfitta la colpa e’ degli altri                      in caso di sconfitta la colpa e’ anche sua                                                             
nota subito le cose negative                                          e’ positivo                                                                                 
esclude                                                                             e’ uno che include                                                                      
odia il gruppo da cui si sente oppresso                      gli piace il gruppo perche’ lo domina                                                  
nel gruppo si emargina                                                  vuole essere al centro di una comitiva                                        
non vuole essere solo                                                    non vuole essere solo                                                                   
ama filosofare                                                                 e’ grossolano nelle tesi                                                              
riesce bene negli studi                                                   riesce bene nel commercio                                                    
crede di essere il centro dell’universo                        conosce i suoi limiti                                                                   
gli amici li tiene alla larga                                               vuole tanti amici                                                                       
guarda  i particolari                                                        non da’ importanza alla piccole cifre                                       
tralascia il collettivo                                                         punta  ai traguardi collettivi                                                                                                                                                             
il suo modello e’ l’uomo tedesco                                  Il suo modello e’ l’uomo americano                                                    
silenzioso                                                                           chiaccherone                                                                               
monogamo                                                                        poligamo                                                                     
sincero all’esterno falso dentro                                     falso all’esterno e sincero dentro                                                
punta al piccolo                                                                 lascia perdere i particolari                                                         
ha una strategia di breve periodo                                 ha una strategia di lungo periodo                                           
ha un unico interresse                                                     ha vari interessi                                                                            
rosicchia l’avversario giorno dopo giorno                   preferisce la battaglia campale 

A questo punto ci fermiamo qui’perche’ di   items ce ne potrebbero essere ancora ,dopo la quarantina  indicati sopra ,ma ci si potrebbe domandare  che se vale il principio della complementarieta’ come base di un accordo nelle dinamiche del  gruppo ,la diversita’ tra i due personaggi che abbiamo visto sopra nella tabella ,dovrebbe mettere d’accordo questi due personaggi  e invece non e’ cosi ?Come mai non e’ cosi’?
C’è di mezzo il percorso professionale diverso .
Si puo’ capire che per Gianfranco un carattere represso e per un processo di crescita politica e personale   sia arrivato a un certo punto la voglia di uno scatto di carriera e la richiesta del  taglio del cordone ombelicale .
Negli ultimi tempi  Fini ,pur soffrendo , e’ stato sempre  nell’ombra elettorale di Berlusconi dai tempi dello sdognamento alle elezioni al comune di Roma di dieci anni fa .
Si e’ mosso poi con una sua autonomia  tanto  che e’ passato con un lungo percorso travagliato o finto da segretario del MSI a essere considerato il compagno Fini!
Dopo la nascita del Pdl Silvio e Gianfranco  potevano  fare parte della  stessa compagnia politica ,ma la dinamica del gruppo li ha portati a differenziarsi sui  progetti di  lungo periodo.
Come si diceva all’inizio Gianfranco puo’  fare parte del gruppo solo per tattica  ,ma alla lunga trova un casus belli per rompere .
Gianfranco  non accettava piu’ di essere il figlio politico di Silvio e quindi pian pianino ,non e’ riuscito a essere diplomatico  e per crescere ha preferito rompere platealmente perche’ e uno spigoloso:questo ‘ l’unica colpa che si puo’ addossare a Gianfranco : la precipitosita’ e la scarsa gratitudine verso chi gli ha dato tutto.
Per anni sono andati d’accordo ma non era un vero accordo .Era un finto accordo di circostanza e di convenienza .
Insomma il diverbio tra S.e G.non e’ l’unico al mondo .
Ce ne sono stati molti altri: ricordo   la dinamica che ha attraversato gli anni 80 tra Craxi che voleva emanciparsi dal Pci e Berlinguer che voleva  riportare il Psi sotto l’ombrello del Pci come era nel 1948.
In generale la storia in oggetto assomiglia tanto al conflitto tra padre e figlio che si vuole emancipare oppure a un matrimonio che si sfascia dopo una lunghissima e non convinta  luna di miele .
Niente di nuovo ,se non fosse che il Paese reale si allontana sempre piu’da queste vicende legate a una troppo lunghissima fase per una separazione .

a.Todesco

Armando Todesco, E se fosse tutta una questione psicologicaultima modifica: 2010-08-30T22:08:07+02:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento