Massimo Recalcati . La terapia creativa di Elvio Fachinelli

MARTEDÌ 8 GENNAIO 2013
Elvio Fachinelli, Freud in Italia

Unknown-1.jpeg

Uno studioso caro alla generazione del ’68. Un libro da leggere.

Massimo Recalcati

La terapia creativa di Elvio Fachinelli

Elvio Fachinelliè stato probabilmente, insiemea Franco Fornari, ma diversissimo per stile e vocazione teorica, lo psicoanalista italiano più originale e creativo degli anni Settanta-Ottanta. La sua opera non ha mai assunto quello spirito di sistema che ha invece caratterizzato il pensiero di Fornari e anche per questo ne costituisce, seppure nel solco comune della tradizione freudiana, una alternativa radicale. Se Fornari diede luogo alla psicoanalisi come macchina interpretativa (teoria coinemica), Fachinelli non ha mai smesso di ricordare la centralità dell’ imprevisto e della sorpresa nell’ esperienza singolare dell’ analisi.

Se il primo si muoveva attraverso l’ uso programmatico di codici simbolici immutabili, il secondo sospingeva la teoria della psicoanalisi al limite dell’ indicibile, al confine con l’ esperienza estatica rivendicandone il carattere anarchico e avverso ad ogni sistematizzazione che pretendeva di proporsi come definitiva.

Se il primo insisteva sul carattere trasmissibile della psicoanalisi, sulla possibilità di farne una disciplina universitaria, il secondo metteva in guardia sulla dimensione didattica della psicoanalisi che ai suoi occhi appariva come una truffa, una mistificazione intellettuale dell’ autentica esperienza dell’ inconscio come incontro con il non ancora visto, né saputo.

Se il primo è stato un produttore infaticabile di scritti teorici sulla psicoanalisi ordinati in un sistema concettuale rigoroso, il secondo ha sempre scritto nella forma del frammento, dell’ intervento breve, privilegiando la parola orale a quella scritta a partire dalla convinzione che lo spirito della psicoanalisi abbiaa che fare con il dialogo vivente più che con il carattere immobile della scrittura.

Per tutte queste ragione, e per altre ancora, Jacques Lacan lo considerava il suo allievo prediletto in Italia, sebbene Fachinelli avesse sempre declinato garbatamente l’ investitura ufficiale decidendo di non lasciare mai la sua società di appartenenza (la Società psicoanalitica italiana). Ho incontrato di persona Elvio Fachinelli una sola volta nella mia vita. L’ occasione fu quella di un convegno di psicoanalisi svoltosi verso la fine di novembre del 1988 alla Casa della Cultura di Milano. Intervenne tra gli ultimi e mi colpì come la sua parola si differenziasse nettamente da quella pesantemente erudita e scolastica di altri relatori.

Ora questo breve intervento è disponibile in una piccola raccolta di suoi scritti rari proposta da Adelphi col titolo Su Freud. La mole anoressica di questo libretto conferma il carattere nomadico e anti-sistematico dell’ opera di Fachinelli. Il lettore troverà la tesi che ha ispirato tutto il suo lavoro di analista: non si dà esperienza dell’ analisi se non attraverso un effetto imprevisto con qualcosa che scompagina l’ ordine costituito dei nostri pensieri. Questo significa che un’ analisi non è una semplice acquisizione di sapere già dato attraverso la sua accumulazione progressiva. Il sapere analitico si incontra e si produce solo a partire da una sorpresa, da una sospensione del sapere dell’ Io, da un suo vacillamento.

E’ questo il contributo decisivo di Freud che in queste pagine Fachinelli ci ricorda puntualmente: la psicoanalisi come nuova pratica della cura non si applica ad un paziente-passivo, ma esige un movimento attivo di ricerca da parte dei soggetti (l’ analista e il paziente) che vi sono impegnati. Fu questo il contributo più profondo di Freud: porsi lui stesso, nella sua carne e nelle sue ossa, come malato di inconscio. Egli, ci ricorda Fachinelli, diverrà, con una lucidità che potrà apparire persino “disumana”, “paziente di se stesso” (“Il malato che più mi preoccupa sono io stesso”). E’ su questa base freudiana che egli propone di differenziare una “psicoanalisi della risposta” (quale è, per esempio, quella della teoria coinemica di Franco Fornari) da una “psicoanalisi della domanda” che anziché applicare un codice interpretativo alle parole del paziente dovrebbe essere in grado di sapersi rinnovare ogni volta proprio grazie a quelle parole.

Questo è il grande contributo di Freud: il sapere della psicoanalisi non si trova nelle biblioteche, non è sapere scritto, catalogato, codificato, ma è sapere sempre in movimento, vivente nella dimensione orale della parola di cui si nutre la pratica della psicoanalisi. Per questa ragione, sempre secondo Fachinelli, l’ autentico spirito freudiano non va rintracciato nei paradigmi positivistici che riducono la malattia mentale ad una malattia del cervello, ma nell’ aver dato valore al potere trasformativo della parola, nell’ aver dato forma ad una “conversazione conoscitiva” la cui tradizione si inaugura con la “nobile sofistica” di Protagora e Socrate.

(Da: La Repubblica del 20 dicembre 2012)

Massimo Recalcati . La terapia creativa di Elvio Fachinelliultima modifica: 2013-02-03T13:05:03+00:00da mangano1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento