Ernesto Galli Della Loggia, Memoria e attualità

    MEMORIA E ATTUALITÀ – LE RAGIONI DI UN DIBATTITO PROPOSTO NEGLI INCONTRI DELLA FONDAZIONE CORRIERE DELLA SERA Italia: i contorni di un’identità Il paradosso di un Paese diviso sull’Unità che lo ha fatto grande 150 ANNI Le iniziative della Fondazione Corriere della Sera 10 INCONTRI Programma e relatori Le attuali celebrazioni dell’anniversario dell’Unità stanno confermando un carattere particolare … Continua a leggere

rOBERTO bONUGLIA, L’Italia si spegne

Ieri come oggi: l’Italia si spegne Riflessioni sul declino italiano di Roberto Bonuglia Roberto Bonuglia: Dottore di ricerca in Storia e formazione dei processi socio-culturali e politici nell’età contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Tra le sue pubblicazioni: Tre valtellinesi al servizio dello Stato: Saraceno, Vanoni, Paronetto (Roma, 2006), Economia e politica … Continua a leggere

Fofi, Barilli, C’era una volta il Dams

DA  L’unità   C’era una volta il Dams Il primo Dams, la cui sigla sta per Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, nacque quarant’anni fa quasi esatti a Bologna nel 1970, all’inizio di un decennio molto tormentato. Subito dopo il ’68 e prima del ’77. Fu uno dei frutti del ’68, uno dei tentativi – riuscito – di … Continua a leggere

Umberto Romaniello, Anno 2010 DDP

da facebook ANNO 2010 D.D.P. (DOPO DI PIETRO) pubblicata da Umberto Romaniello il giorno sabato 23 ottobre 2010 alle ore 18.37 Nota creata. Prospettive. La nazione Italia è invasa dai Comunisti, un’orda di senza Dio che minaccia le fondamenta liberali del suo governo, lanciando nell’ombra continui e subdoli attacchi alla libertà dei suoi rappresentanti. Ma in difesa del totale liberismo … Continua a leggere

Carlo Rovelli, La Tre_sfera: Dante con Einstein

COSMOLOGIA (“”MONDO”), TEOLOGIA (“DIO”), ANTROPOLOGIA (“UOMO”): USCIRE DALLA CAVERNA PLATONICA, E NON RICADERE NELL’ILLUSIONE DI “DIO” CONCEPITO COME “UOMO SUPREMO”… LA TRE-SFERA: DANTE CON EINSTEIN – E KANT. Una bella e formidabile ipotesi di Carlo Rovelli, da coniugare con il lavoro di Kant – dalla “Storia universale della natura e teoria del cielo” alla “Critica della facoltà del giudizio”. (…) … Continua a leggere

Patrizia Gioia, dal multiculturalismo al pluralismo

  dal multiculturalismo al pluralismo…di patrizia gioia Come scrive Erri De Luca ripercorrendo la storia di Sansone e Dalila: “sia lode agli amori ricambiati, ma non sembri assurdo il gesto dell’amante che affida la sua vita nelle mani di chi lo tradirà, perché non c’è altro mezzo, non si paga con altra merce che non sia la vita l’amore che … Continua a leggere

Erika Gramaglia, Legge elettorale e circolo vizioso

    dA paginauno Comunicazione” <comunicazione@rivistapaginauno.it> 20 0ttobre   legge elettorale: tutti ne parlano, ma come funziona? La legge elettorale: tutti ne parlano, ma come funziona? La legge Acerbo del ’23, la legge truffa del ’53, il Mattarellum del ’93, il Porcellum del 2005… Ben lontana dall’essere qualcosa che “non interessa agli italiani”, come afferma convenientemente certa politica, in una … Continua a leggere

Ennio Abate, Lettura di Franco Fortini

PROPOSTA DI LAVORO N.1 DEL LABORATORIO MOLTINPOESIA ottobre/novembre 2010: Lettura di Franco Fortini, Cos’è la poesia? Questa è la prima proposta di lavoro bimestrale  (ottobre-novembre 2010) del Lab. MOLTINPOESIA. Siete invitati a leggere e a commentare liberamente (poche righe o molte) questa intervista. Ne discuteremo poi alla fine in uno degli incontri alla PALAZZINA LIBERTY.  Il testo è tratto dal … Continua a leggere

Patrizia Gioia, Giobbe e la mano di Cattelan

“ Egli segnò la mano di ogni uomo, affinchè tutti gli uomini possano conoscere la Sua opera” (Giobbe 37,7) “Ecco perché è sterile e mortificante il gesto della mano che Cattelan ha immortalato, perché non ha pietas, perché non illumina la gratitudine umana all’opera divina, inseparabili. Ma sarà solo in questa rinnovata alleanza che potremo risorgere, qui e ora. di … Continua a leggere

Nino Romeo,“No allo stupro come arma di guerra”. Le donne del Congo in piazza

Vi giriamo la notizia che è passata in silenzio. Ancora più importante per le difficoltà delle donne Congolesi a partecipare a questa mobilitazione pensando ai loro redditi scarsi, i costi dei trasporti, trasporti a volte inesistenti e il contatto tra di loro con scersità di mezzi (telefoni, cellulari, internet..). Il nostro circolo assieme ad altri del Gratosoglio ha organizzato per … Continua a leggere